fbpx

Due chiacchiere con E.L. Reid

Due chiacchiere con E.L. Reid

La mia gradita ospite di oggi è un’autrice esordiente: E.L. Reid. L’ho invitata perché in un panorama dove il self- publishing è ancora sottovalutato e snobbato, dove molti corrono troppo per pubblicare, lei ha scelto la qualità. Ha messo da una parte la voglia di vedere il proprio nome in copertina, la voglia di tenere la sua opera tra le mani e ha scelto la strada più lunga, ma anche dispendiosa.

Inutile girarci intorno: la qualità si paga. I professionisti si pagano.

La nostra E.L. si è messa nelle mani di un professionista con cui – lo dice lei stessa – è cresciuta. Ma ora lascio parlare lei!

E.L. Reid

Autrice

Autrice veneta, abita in una cittadina del veronese e coltiva la passione per la lettura prima e per la scrittura poi, dall’età di 7 anni. Ha scritto diversi racconti legati al paranormale, ma finora ha pubblicato solo un racconto, I Guardiani di Blair, legato alla saga a sfondo paranormale Witch Hunters (progetto che comprende sia racconti che romanzi).

Read more

“Another little requiem” di CalcabrinaMalebolge

Another little requiem

Oggi vi parlo di “Another little requiem“, vincitore dei Wattys 2019 nella categoria mistero-thriller. Confesso di aver amato questo noir fin dalle prime righe e non nego di essere ormai una fan di calcabrinamalebolge. Cercherò di raccontare il più possibile senza spoiler, avendolo già fatto attendere un’eternità per avere la mia opinione su questa piccola perla.

Read more

Due chiacchiere con Benno Palmer

Benno Palmer

Ospite di oggi è Benno Palmer, autore di una trilogia che in tedesco ha riscosso già un buon successo e che, ora, si affaccia al mercato italiano.

Benno Palmer

Autore

Benno Pamer, diplomato in Design della comunicazione, è direttore generale di un’azienda
internazionale che produce materiali chimici per l’edilizia.
“Seraphym. Il tradimento”, pubblicato in tedesco nel 2016, è ora tradotto anche in italiano, come primo volume di una trilogia fantasy.

Read more

Stanza 111

Stanza 111

L’ultima seduta mi aveva lasciata spossata, per non dire stremata. Le tempie pulsavano con insistenza così, rimasta sola nella sala, chiusi gli occhi. Abbandonai indietro la testa, sciogliendo la coda e ravvivando le morbide onde dei capelli. Mi concentrai sul respiro, profondo e regolare, ma era come se l’aria mi bruciasse i polmoni. Riaprii le palpebre e fissai l’ormai flebile fiamma della candela, sistemata al centro del tavolino.

“Spegnila!”, tuonò una voce gracchiante che solo io potevo udire.

Sorrisi.

Presi col cucchiaino d’argento un po’ di sale e disegnai un cerchio attorno alla candela. Un ringhio stridulo, feroce e morente mi perforò i timpani.

«Signorina, la vedo più provata del solito».

La voce cortese del concierge, arrochita dall’età, mi indusse a sollevare lo sguardo su di lui. Faticai qualche istante per metterlo a fuoco, ma era normale dopo una trance. Cercai di sorridere con gentilezza.

«È stata una serata impegnativa», gli confermai. «Appena la candela avrà finito di bruciare, raccoglierò le mie cose. Ho fatto piuttosto tardi, mi scusi».

In cuor mio speravo che un po’ di buone maniere e qualche innocente moina lo avrebbe dissuaso dal chiedermi di pagare un sovrapprezzo per lo spazio occupato. Più che altro perché, ancora stordita, non avevo pensato di domandarlo a mia volta alla cliente. Sospirai.

Read more

Due chiacchiere con Daniele Viaroli

Daniele VIarioli

Oggi ho come ospite un autore che ha esordito con un fantasy sotto il marchio Dark Zone: Daniele Viaroli

Daniele Viaroli

Autore

Daniele Viaroli nasce trentadue anni fa in un paesino immerso nella nebbia padana. Cresce circondato dalle bellezze del parco Adda Sud e si dedica agli studi di Lettere Moderne all’Università di Bergamo, dove apprende cose fondamentali come l’ubicazione dei migliori ristoranti della città e l’utilizzo del pota. Innamorato dello sport e di tutto ciò che è nerd, intraprende lo studio delle arti marziali, diventando un istruttore di Ba Gua Zhang. Scrive da sempre, ma solo con la Fiamma Azzurra e la stima della Dark Zone è giunto alla pubblicazione con una casa editrice.

Read more

EaP: che cosa sono?

EaP

Spesso si sente parlare di EaP, una sigla a molti ignota che significa “Editori a pagamento”. In pratica, all’autore viene chiesto un contributo economico per essere pubblicato e le formule utilizzate sono davvero molte. Lusingano il malcapitato, lo ricoprono di complimenti e poi affondano il colpo. Purtroppo, non sono rari gli autori che cadono in questo gioco, andando ad alimentare il cosiddetto settore “vanity press”. Il problema è che per queste “stamperie” – definirli editori è per me inappropriato – il cliente non è più il lettore, bensì l’autore stesso.

Pensaci bene, cosa vuol dire questo? Guarda il video per saperne di più!

Read more
?
This website collects data via Google Analytics. Click here to opt in. Click here to opt out.
×