Depressione: quante facce ha?

Quante facce ha la depressione?
Tante e spesso si associano ad altri disturbi.
Per questo non è bene fare tutto un calderone o ricondurre i problemi di tutti a se stessi.

Le facce della depressione

Spiegare quali siano le mie problematiche richiederebbe molto tempo e tanto spazio. Senza contare che finirei con l’annoiarvi 😅. Per riassumere alla bell’e meglio, diciamo che sono caratterizzate da PTSD prolungato e conseguente disturbo depressivo atipico con ansia. La specifica di atipicità porta con sé episodi maniacali e ossessivo-compulsivi. Insomma, è un po’ un casino 🙈.

Le mani si stringono in pugni premuti sul legno, disperato tentativo di sopravvivere ancora senza un motivo. Questo è il problema: cosa puoi gustare quando non vedi nulla nel tuo futuro? Nel mio non c’è niente per cui valga la pena di sorridere, è tutto immerso nella nebbia e nel fango. Sono solo sbagliata.

Freak show” di Chiara Casalini

Tuttavia, ho fatto un percorso che mi ha aiutata. L’ho fatto male, non sono un buon esempio e per questo cerco di indirizzare verso la strada migliore.

💔 Periodo di down.
Detto fuori dai denti: una 💩.
Nel mio caso, l’apatia spazza via tutto. Tutto mi scivola addosso, mi manca la spinta a fare qualsiasi cosa. Mi mancano le forze. Soprattutto per parlare. E così mi chiudo nel silenzio.

Non fate questo errore.
Anche se è difficile.
Scrivo questo spaccato di vita apposta, per non stare in silenzio.

La depressione e le sue maschere

Se vuoi parlare, ci sono”.
Lo so che i miei amici ci sono, ma è difficile. Non è orgoglio, come molti pensano e io stessa do corda a questa versione. È meno faticoso del dover spiegare che tale incapacità fa parte del mio quadro clinico.

La mia “faccia di bronzo” non è forza, non è molte cose. È un problema su cui cerco di lavorare e ho imparato a chiedere aiuto, almeno nei periodi normali.
Per i down… ci sto lavorando.
A modo mio, come sempre, e magari anche per qualcun altro scrivere potrebbe essere un passo avanti.

👉🏻 Tu, invece, come affronti i momenti difficili?

Lascia un commento