Gioco sporco mockup

Gioco sporco è una racconto criminal e costituisce un prequel di La casa di incubi e stelle e Nika. La schiavitù del silenzio.

Nika e il Ronin ci porteranno nel loro mondo, in una notte che cambierà le prospettive.

Gioco sporco

Nika e il Ronin, una cantante e un criminale. La musica li porta a incontrarsi e il sesso occasionale diventa un gioco.
Nika è stata spezzata dalla vita e in lui vede l’occasione per imparare qualcosa e liberarsi dai demoni del passato, nonostante il pericolo. Il Ronin trova in lei la preda perfetta, un’anima che non vuole piegarsi. È una sfida che rompe la noia e gli permette di fare ciò che più lo diverte: entrare nella mente altrui per manipolarla e soggiogarla.
Quanto sapranno giocare sporco per i propri scopi?


DISCLAIMER: Il racconto contiene scene e linguaggio espliciti. La lettura è consigliata a un pubblico adulto e consapevole.

Scheda

  • AUTORE: Chiara Casalini
  • EDITORE: Self-publishing
  • GENERE: Criminal psicologico
  • PREZZO:
    • Ebook € 0,89
    • Cartaceo € 6,90
  • PAGINE: 50

Retroscena

Articoli di approfondimento sui temi trattati nel romanzo.

Opere collegate

La casa di incubi e stelle
La casa di incubi e stelle
Nika. La schiavitù del silenzio
Nika. La schiavitù del silenzio

Scopri le opinioni dei blog

Le prime arrivate

e ancora su Gioco sporco

I lettori dicono

Federico Tognetti

Un emozionante tassello che si inserisce tra la storia tormentata di Nika è quella di La casa di incubi e stelle. Da non perdere

Luna Blu

Mi ero già innamorata di questa autrice con La Casa di Incubi e Stelle e ho avuto il piacere di ritrovarla con Gioco Sporco. Mi ha emozionata come sempre, tenendomi incollata alle pagine. Non ne avrei mai abbastanza! Appassionante, erotico, coinvolgente, ha tutto!
Spero presto in un nuovo libro!

Antonella

Con questo crossover Chiara ci presenta un piccolo spaccato tra Nika, protagonista dell’omonimo romanzo, e Ron, personaggio secondario di “La casa di incubi e stelle”. Due personaggi forti, duri, che si usano l’un con l’altro ognuno coi propri obiettivi. Lui, piccolo boss malavitoso di provincia, che nel sadismo trova il suo gioco preferito, per spezzare la noia, manipolare tutti, e ribadire così la sua autorità, fatta di violenza gratuita anche laddove sembra che a volte, raramente, provi un po’ di umana pietà. Lei, spezzata nel profondo, che cerca di carpire il segreto della forza che emana il Ron, per trovare sollievo al dolore che prova, con la speranza di potersi sentire anche solo minimamente libera dal suo passato, e poter tornare a respirare di nuovo senza sottostare alle sue paure.

Un racconto che, come nel solito stile di questa scrittrice, colpisce forte allo stomaco, parlando di violenza, traumi e speranza di riscatto che non sono purtroppo solo fantasie dell’autrice, ma eventi sempre più frequenti nella nostra società.

Sempre attenta nell’approfondire ciò di cui racconta, ci fa entrare nella testa, nelle emozioni dei personaggi, con un’analisi psicologica (mostrata, mai descritta) che ti fa rimanere incollata alla lettura fino all’ultimo punto dei suoi racconti, facendoti vivere quello che provano, sentono, pensano, i suoi protagonisti. Ti ritrovi così ad amarli, o odiarli, come se quello che hanno fatto, detto, raccontato, l’avessero fatto a te, o a chi ami.

Consigliatissima, come sempre. Adoro questa autrice.

Newsletter

Scopri prima le novità!

Iscriviti alla mia newsletter per non perdere notizie, nuove uscite e altro.
Puoi anche unirti al gruppo Telegram.

Lascia un commento