fbpx

“I mostri di Londra (Victorian Horror Story 1)” di Mala Spina

• TITOLO: I mostri di Londra (Victorian Horror Story 1)
• AUTORE: Mala Spina
• EDITORE: Self-Published
• GENERE: Fantasy gotico, horror
• PAGINE: 148

"I mostri di Londra (Victorian Horror Story 1)" di Mala Spina

Trama

Quello che dovete capire è che… Siete scivolata in un mondo sotterraneo, Miss Patel. Nascosto ai più e per nulla gradevole.
Nella Londra vittoriana di fine ‘800, si nasconde una realtà occulta, ignota agli occhi dei suoi abitanti.
Guinevere “Ginny” Patel sta per scoprire nel modo più spaventoso quanto siano reali le creature delle leggende e gli esseri sovrannaturali.
Ha sempre pensato che fantasmi e mostri fossero solo sciocchezze e il suo lavoro è proprio imbrogliare i creduloni. Il giorno più importante per l’avvio della sua attività di spiritista è anche quello in cui capirà quanto siano reali.
Una cosa è conoscere i segreti di questo mondo oscuro e un’altra è entrare a farne parte.
=====================================
Victorian Horror Story è una serie Horror Dark Fantasy Gotica Romantica e avventurosa nella Londra Vittoriana di fine ‘800.
* LA SERIE È COMPLETA ! *
Scopri altri contenuti e racconti gratis su www.AltroEvo.com

Le mie impressioni

Anche oggi mi ritrovo a parlare di una lettura che mi ha conquistata! Partiamo dalla copertina, semplicemente stupenda per i miei gusti, come tutte quelle di questa serie. Ho approfittato della sua disponibilità col servizio Prime, ma vi segnalo che è disponibile una versione che raccoglie insieme i quattro capitoli di questa saga. Lo dico? Sì, fosse per me li prenderei tutti solo per avere la collezione 😁

Non voglio cedere a spoiler solo per il gusto di illustrarvi le parti che più ho amato di questa storia, perché merita di essere letta e gustata pagina dopo pagina. Lo stile di Mala Spina è pressoché impeccabile, la trama si sviluppa in modo lineare, facendoci immergere in atmosfere cupe e, allo stesso tempo, verosimili. Si respira l’aria di questa Londra, vivendo addirittura il passaggio dal giorno alla notte con estrema naturalezza, grazie proprio alle descrizioni dosate e precise, che non dicono mai troppo, ma permettono di immaginare ogni ambiente in cui i personaggi si muovono. Non ho trovato banalità in nessuna scena, perché l’autrice riesce a renderle vive e a integrarle con maestria e un lessico curato. Non mancano, di tanto in tanto, espressioni sarcastiche e battute in grado di strappare un sorriso con uno humor noir fantastico.

Ogni mattina, alle undici in punto, passava sotto la finestra della villa in Bishop Road. Puntuale come la morte.

“I mostri di Londra (Victorian Horror Story 1)” di Mala Spina

Si assapora la tensione crescente, l’incredulità e lo scetticismo iniziali della protagonista, fino a culminare con la presa di coscienza davanti alla realtà. Ho amato come il cambiamento tra il sospetto e la rivelazione si palesino ai suoi occhi attraverso le descrizioni della stessa scena – il ballo – talmente fluide da passare quasi inosservate, lasciando soltanto le sensazioni a farle apprezzare.

I personaggi

Sono tutti ben definiti, li si scopre e conosce man mano, non vengono sbandierati e sviliti in presentazioni da giornaletti, ma il loro essere ci viene mostrato a fatti. Lord Richmond è, inevitabilmente, quello che mi ha conquistata fin dalla sua prima apparizione: meraviglioso! Ambiguo, affascinante, carismatico e… no, mi fermo o mi parte lo spoiler 😜

L’uomo aveva un’aura di potenza e di autorità che riusciva a percepire, anche se non possedeva facoltà sovrannaturali. Gli altri due, che pure avevano combattuto contro un mostro, sembravano cuccioli al suo confronto.

“I mostri di Londra (Victorian Horror Story 1)” di Mala Spina

Ultima nota di merito che vorrei fare è all’uso impeccabile dei nomi, rivelati senza fretta, ma che nella mia testolina hanno fatto scattare un campanellino, che sta ancora lì a suonare in attesa di scoprire se ci ho visto giusto o meno; chi lo sa!

Arrivata all’ultima pagina ne volevo ancora, ma purtroppo dovrò attendere di poter acquistare i successiva. Intanto, penso rileggerò un altro paio di volte questo 😎

Lascia la tua opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

?
This website collects data via Google Analytics. Click here to opt in. Click here to opt out.
×