fbpx

“L’inferno dentro” di Eliana Matania Ruggiero

L’inferno dentro: trama

Miki, un giovane uomo inglese dal passato ingombrante, uscito da un istituto psichiatrico di Londra, ma dalle capacità intellettive particolari e con un solo desiderio: diventare un bravo detective.

Giorgio, un ragazzo trovato morto, ucciso e abbandonato sotto il ponte della Bovisa, come un panno sporco, la cui unica colpa, forse, era essere gay.

Silvano, un giovane studente del corso di criminologia della Bicocca di Milano, affascinato da Miki, che sarà l’opportunità per fargli fare uno stage sul campo, catapultandolo nell’indagine per scovare l’assassino di Giorgio.

Milano, una città cupa, ma affascinante, con la sua movida, le sue tradizioni che si scontrano di continuo con la modernità, le sue mille facce dalle mille diverse origini, la sua multiculturalità.

Tra incubi, sogni, speranze, solitudine, passione, amori sani e amori malati, nuovi amori e nuove scoperte di sé, Miki cercherà di risolvere questo caso e anche lo strano intricato puzzle che è la sua stessa vita.

"L'inferno dentro" di Eliana Matania Ruggiero su Wattpad
“L’inferno dentro” di Eliana Matania Ruggiero su Wattpad

Le mie impressioni

Questa storia è particolare e curata nella sua trama. L’intreccio si dipana su due linee temporali distinti, che il lettore sa essere collegate da questo omicidio. Eliana riesce a gestire in modo egregio la cosa, senza far perdere il filo e permettendo di assaporare le sottotrame. Quattro personaggi, quattro personalità ben distinte e quattro storie che vengono affrontate toccando temi attuali e importanti.

L’omosessualità e l’amore vissuti in modi differenti, tra pregiudizi e accettazione, non fanno da semplice sfondo nella trama. Inoltre, portano a non poche riflessioni. Oggi, dopo che il Congresso delle famiglie di Verona ci ha regalato rari esempi di intolleranza, chiusura mentale e mentalità a dir poco medievali, in questa storia vince invece l’amore, come espressione che prescinde dal genere, mostrando come le sue caratteristiche vadano oltre il sesso dei soggetti, perché l’amore vero è universale.

Una vita spezzata, amori malati e amori sani si incontrano in uno spaccato italiano ottimamente descritto.

Eliana è avvezza al genere, si vede e si percepisce nel suo dosare gli indizi, lasciando che il lettore postuli le sue ipotesi. La cosa che più mi è piaciuta è l’aver avuto fin da principio l’impressione che il colpevole fosse il maggiordomo, ma con lo strano sentore che qualcosa non tornasse. Questo fino alla fine, quando l’assassino viene svelato e ti ritrovo con un sorriso amaro sulle labbra.

Altro grande pregio è il finale. Io apprezzo molto i finali aperti, ma questa è stata una delle rare volte in cui son saltata sul letto esclamando: “No, no, no! Non puoi lasciarmi così!” 😱. Già, perché Eliana ha cancellato con un colpo di spugna quel confine tracciato dalle paure, dalle illusioni, dai sogni e le speranze di Miki, lasciandoci con un grande interrogativo. Seppur la mia parte emotiva si sia ribellata a ciò, quella razionale l’ha adorato, soprattutto sapendo che ci sarà un seguito. Già, anche perché altrimenti avrei dovuto mettere in scena “Misery non deve morire 2” e non penso che la nostra autrice voglia correre il rischio 🤣.

L’inferno dentro è una storia consigliatissima!

Note tecniche

Come prassi per le storie di Wattpad, aggiungo qualche piccola osservazione tecnica.

In verità non sono molte ed Eliana le conosce già. La grammatica è più che buona, ci sono da aggiustare un po’ le virgole e, soprattutto, da eliminare i numerosi avverbi di modo (quelli in *mente). Per il resto, la storia merita di essere pubblicata, c’è poco da fare; con l’editing adeguato conquisterà il cuore di molti.

Lascia la tua opinione

One thought on ““L’inferno dentro” di Eliana Matania Ruggiero

  • 12 Mar PM at 12:32
    Permalink

    Grazie ancora di cuore. Faccio tesoro anche dei tuoi suggerimenti.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

?
This website collects data via Google Analytics. Click here to opt in. Click here to opt out.
×