Quanto può essere importante un nome

Quanto può essere importante un nome? Quanto può dire di qualcuno? Me lo sono chiesta spesso, ne ho parlato e ne ho anche in scritto.

Quanto può essere importante un nome?

📸 Foto di repertorio scattata alle 2 di notte (forse anche più tardi), dopo un live della band.

In ordine di apparizione: Adam Rage (batteria), Lith (basso), Hel (voce), Kayo (chitarra). Adam e Lith sono tra gli amici più cari che ho (l’altro è il mio ex-marito 🤷‍♀️).

Ebbene sì, Hel era il mio nome d’arte, ma se lo chiedete ai miei amici vi diranno semplicemente che mi chiamo così. Infatti, se provo a presentarmi col mio vero nome, mi guardano male e mi mandano a quel paese (correggendomi) 🤣.

Ho scelto questo nome a 18 anni ed è il nome di una divinità nordica. Un omaggio a lei e un supporto per me.

Ma torniamo alla domanda iniziale: quanto può essere importante un nome?

🖤 Hel è la regina dell’Oltretomba – Helheimr – nella mitologia nordica. Il suo regno si estende al Niflheimr, il Regno delle Nebbie. Odino le affidò appunto il regno dei morti e ciò le conferì un potere unico, il più grande, a cui tutti gli dèi dovevano sottostare e che si estendeva sui Nove Mondi. Inoltre, il suo aspetto era descritto come per metà di una splendida fanciulla, per l’altra metà un corpo nero e severo, in certi testi si parla di necrosi e decomposizione.

Fu questo a catturarmi.

La dualità.

Vita e morte.

Un paradosso racchiuso in unico corpo.

Io mi ci rivedevo e, in effetti, è ancora così.

💔 Ho faticato tanto a far pace col mio nome di battesimo… Chiara.

Non mi rivedevo in esso, non trovavo nulla di chiaro dentro di me.

Poi è arrivata Hel. Un pezzetto alla volta, la mitologia mi ha portata alla tradizione nordica e ho rimesso insieme il puzzle dentro di me, fatto pace con ciò che sono. Dopo essermi distrutta, però.

In questa foto ci sono proprio le macerie da cui sono ripartita (di nuovo…son de coccio a volte 😅).

⭐ Ti piace il tuo nome?

Lascia un commento